Reportage

271 Commenti di Reportage

  1. Tangaloa scrive:

    Le  Pi  scrive:

    26  aprile  2016  alle  10:52

    Io sono ancora "spettinata" da tanto meraviglioso evento a cui ho assistito domenica sera, anzi…credo pure di avere, nel frattempo, anche cambiato colore di capelli!!  
    So per cosa certa di essere a casa, ma per altra cosa certissima 'sento' e so di avere ancora la mente all' Auditorium Conciliazione di Roma…no, non è stato un concerto qualunque, Valerio mantiene sempre le sue promesse, indubbiamente! Più di 2 ore di uno spettacolare crescendo di canzoni, musica, intrattenimento, risate, duetti, carisma ed emozioni fino all' esplosione finale con un teatro tutto in piedi a spellarsi le mani, pubblico conquistato ed adorante, ai piedi di un Talento che fatica a restare dentro a questa stessa parola…impressionante che tutta questa forza, questa padronanza scenica, questa infinita meraviglia artistica sia racchiusa in una sola giovane e fantastica persona…Valerio con questoLive è stato incredibile, insuperabile ed indimenticabile!
    Una fan che ho conosciuto domenica in teatro, quando ha saputo che ero al mio primo live di Valerio, mi ha detto che sono fortunata perchè comincio dal migliore…non ne avevo dubbi neanche prima dell' inizio ma poi ne sono stata sicura, ed onorata, dalla prima all' ultima nota del suo spettacolo non-qualunque e mostruosamente straordinario! Mi è spiaciuto immensamente non aver conosciuto le Zie del blog presenti ma, come già scritto da altre, la confusione di persone era grande, e senza aver un preciso punto di incontro non era facile, speriamo in altre occasioni. Ringrazio anche da qui le 3 carissime storiche Scanufan (che so leggere il blog ma non scriverci) che mi hanno accolto affettuosamente in questa avventura romana: Lucia, Patrizia e Carla…siete una meraviglia!
    Rita, con te ci siamo incrociate, senza saperlo, ieri mattina davanti alla stazione quando tu hai salutato Patrizia…solo dopo ho saputo che eri tu, peccato non esserci scambiate un saluto e la conoscenza!
    Ora riprendiamo la vita di sempre ma che fatica scendere dalla nuvoletta rosa dove ci ha condotto domenica sera Valerio, a cui rinnovo tutta la mia ammirazione, stima incondizionata e, perchè no? grandissimo affetto di zia che lo ha scoperto un po' tardi, ma che ringrazia il Cielo di averlo potuto fare…sarebbe stata una grande ingiustizia non 'conoscerti' ed apprezzarti, Grande Artista!

  2. Tangaloa scrive:

    Gina  scrive:

    18  dicembre  2016  alle  17:45

    Sono rientrata a casa da qualche ora con il cuore stracolmo di emozione e di gioia e con la voce di Valerio che mi risuona ancora nelle orecchie. Ho assistito ieri sera ad uno spettacolo superlativo: la voce di Valerio ha spaziato dal pop al gospel; dal musical alla dance con una leggerezza e naturalezza, di cui solo lui è capace. Rimango ogni volta stupita da tanta bravura, frastornata, travolta dalla sua ineguagliabile, inconfondibile, calda, avvolgente voce che mi riscalda l' anima.

    Quasi tre ore di spettacolo sono trascorse in un baleno e, vi giuro, non sono mai stanca di ascoltarlo. Avrei tanto gradito bissare questa straordinaria esperienza, partecipando al concerto in acustico a San Cesareo ma, purtroppo, con i biglietti del treno già prenotati da tempo non ho potuto far altro che tornarmene a casa con un magone in gola. Ieri sera Valerio è stato appassionato nei duetti con Serena Rossi e con Silvia Mezzanotte; travolgente in tutte le altre sue esibizioni.
    I costumi, i balletti, la scenografia, le luci…..tutto perfetto.
    L' emozione mi accompagnerà chissà per quanto tempo!

  3. Tangaloa scrive:

    Mi sembra di aver messo tutto… In primis il "fallito", il "fatti una vita" e i "co@@@oni". Anche la Tiburtina. 
    E sono stata pure attenta a non fare mai, manco per sbaglio, il nome con cui ormai universalmente è inteso il destinatario di questo scritto. Così non si capisce di chi sto parlando.
    Oppure sì?

    PIANTO  ANTICO

    La strega a cui tendevi la pargoletta mano
    ti raccattò per strada portandoti lontano.
    Tu allora le giurasti cieca riconoscenza,
    genuflessione eterna fu l' ovvia conseguenza.
    E bullizzasti Scanu ma sotto dettatura,
    dipendi da un padrone: questa è la tua sventura!
    E'  d' uopo dedicare due righe al "pasionario",
    esempio di buon gusto, tutore straordinario,
    quello che ha sciorinato tutto l' abbecedario
    di offese, insulti e ingiurie con nobile frasario.
    Va da sé che mi vedo, in questo mio libello,
    costretta ad adeguarmi all' infimo livello
    del tizio detentore di verità infinita,
    colui che insegna ad altri come farsi una vita.
    E che chiama "fallito", latrando a muso duro,
    chi da tempo, da solo, s' è creato un futuro
    senza le scorciatoie e i percorsi dorati
    che son toccati in sorte a quei miracolati
    ormai da tempo immemore in quel circo accampati,
    che solo a calci in culo divi son diventati.
    Ché lì, nello splendente universo mariano,
    la pedata ce l' hanno tatuata al deretano.
    E intorno il sottobosco di servi e galoppini
    con fili o senza fili ma pur sempre burattini,
    al soldo di chi lucra con mistificazioni
    in quella triste fabbrica di effimere illusioni.
    L' "Innominata" schiocca le dita e tutti quanti
    gli invertebrati sudditi si prostrano davanti
    nella speme incrollabile che butti loro un osso
    scodinzolando lieti, leccando a più non posso.
    L' unico, tale Marco, dotato di intelletto
    lo han subito estromesso facendone un reietto.
    E' il  "modus operandi" da sempre riservato
    a chi non obbedisce e non è "allineato".
    E l' ovvia sua reazione è stata pure lieve
    con quel calzante esempio: "strega di Biancaneve".
    Difatti è la "sultana" che sceglie come agire,
    chi deve sopravvivere e chi deve "morire".
    E può contar su un seguito di raffinati esteti,
    suo pubblico "pregiato": bimbiminkia e analfabeti!
    Ché il pubblico più accorto giammai non l' ha persuaso
    in quanto non è bue e con l' anello al naso.
    Ma torniamo al vassallo, quello più titolato,
    il difensore strenuo del "tempio consacrato".
    Nella selva infinita di schiavi e burattini
    chi si è sentito offeso? Il primo dei lecchini!
    Perché se, putacaso, crolla il regno fatato
    si troverà in un soffio solo e disoccupato.
    Lui fa la voce grossa, si indigna, fa il gagliardo
    ma dietro una tastiera: il classico codardo!
    Che parli di co@@@oni chi manco li possiede
    risulta di un ridicolo che manco ci si crede!
    Non mi facesse rabbia mi farebbe anche pena
    per il suo esser cane legato alla catena.
    'Na semplice battuta scombussola il "palazzo".
    "Scanu ma cosa dici? Sei diventato pazzo?
    Non ti devi permettere di dir la verità
    o scatta il tradimento e la lesa maestà!"
    E anche l' accusa: "sputi nel piatto ove hai mangiato",
    quando in realtà a quel piatto lui mai s' è avvicinato.
    Son altre che, da anni, si ingozzano a quel desco
    uniche commensali ammesse a quel rinfresco.
    Lui mai ha rinunciato a dignità e decenza
    per questo dà fastidio, per lui non c' è clemenza.
    Patiscono da matti che non l' hanno annientato
    sebbene, con impegno, più volte ci han provato.
    In principio, sappiamo, fu furto organizzato
    la vittoria era sua e venne defraudato.
    Poi, negli anni, assistemmo a un insistito agguato:
    ormai l' insulto a Scanu ce l' hanno brevettato.
    E ci mancava giusto l' epiteto "fallito"
    detto da chi ne ha fatto il suo primo requisito.
    E ha per divinità la "celeste regina"
    ma non l' Immacolata…quella della Tiburtina!
    A lei chiede la grazia e plenaria indulgenza
    e anche quella poltrona di cui non può far senza.
    Attento a non sprecarla siffatta devozione,
    cotanta straordinaria e fiera abnegazione,
    non abbia tu a pentirtene di aver sempre obbedito
    il giorno che anche a te daranno il benservito!
    Un ultimo pensiero dettato dall' affetto
    lo dedico, di cuore, al nostro prediletto.
    Vale, non rinunciare a quell' integrità
    che sempre ti ha distinto e alla tua libertà.
    Combatti a testa alta ingiurie e falsità:
    la schiena dritta logora solo chi non ce l' ha!

     

  4. Tangaloa scrive:

    E' la seconda volta che mi occupo di questo soggetto. 
    Non vorrei diventasse un vizio. 
    L' argomento è più che pertinente, siamo nel periodo prenatalizio per cui cade a fagiolo.
    Si celebrano le nascite e…pure le rinascite. 
     

     

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:wink: :twisted: :thumbsup: :thumbsdown: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :like: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)
[+] Zaazu Emoticons Zaazu.com